Sapereplurale

Giovedì, Luglio 09, 2020

logo saperepluraleSaperi, competenze, pratiche e narrazioni nel sociale
E-mail: segreteria@sapereplurale.net
Associazione di promozione sociale

facebookgoogle plustwitterrss

Libere di scegliere

Ultima arrivata  l'Umbria, a inventarsi regole senza fondamento pur di...

Lascia la porta aperta: video dello spettacolo a 30 anni dall'incendio del 3 giugno 1989 al carcere delle Vallette

In occasione della ricorrenza del 3 giugno 1989, quando l’incendio nel...

Violenza di genere e populismo penale

Sono scaricabili integralmente gli atti del Seminario "Violenza di gen...

Morti nelle carceri. Appello per un Comitato per la verità, la trasparenza e la giustizia

I detenuti morti nelle carceri durante le proteste contro le misure in...

La prigione delle donne

  Presentazione del libro La prigione delle donne. Idee e pratiche pe...

Periferie, cultura e inclusione ... un possibile terreno d’incontro

Giovedì 19 dicembre ore 18:30 - Sala 900 Polo del ‘900, TorinoSpeciale...

  • Libere di scegliere

  • Lascia la porta aperta: video dello spettacolo a 30 anni dall'incendio del 3 giugno 1989 al carcere delle Vallette

  • Violenza di genere e populismo penale

  • Morti nelle carceri. Appello per un Comitato per la verità, la trasparenza e la giustizia

  • La prigione delle donne

  • Periferie, cultura e inclusione ... un possibile terreno d’incontro

I nostri consigli

La ricerca

la prigione delle donne

La prigione delle donne.
Idee e pratiche per i diritti

di Susanna Ronconi e Grazia Zuffa

Prefazione di Tamar Pitch

Ediesse, 2020

Dall’esperienza di laboratori di self empowerment e da una ricerca azione tenuti nelle carceri femminili della Toscana, una riflessione di genere sulla “prigione delle donne” che dà voce alla soggettività di chi è detenuta.
Un viaggio dentro le strategie che le donne oppongono ai meccanismi di sofferenza e minorazione imposti dal carcere, e una nuova riflessione attorno a cosa il contesto sociale – e le donne in particolare  può attivare nella direzione di poter guardare “oltre il carcere”.
Al centro, lo sguardo di genere, la questione dell’affettività e della sessualità e una nuova domanda radicale sulla “riformabilità del carcere”.

Per saperne di più: https://www.ediesseonline.it/prodotto/la-prigione-delle-donne/


Il seminario

Il populismo penale e la violenza di genere

Il 21 novembre 2019, Sapereplurale, insieme all’associazione Amaryllis, nell’ambito del Gruppo di Lavoro Formazione del Coordinamento Cittadino contro la Violenza sulle Donne (CCVD) di Torino ha promosso il seminario, “Il populismo penale e la violenza di genere”.
Perché questo tema?
Il populismo penale è quella modalità del discorso politico secondo cui il codice penale si candida impropriamente a strumento di governo di fenomeni sociali complessi. Per la violenza di genere, tutto ciò sta avvenendo in nome delle donne, la cui “difesa” diventa spesso argomento strumentale.

Le nostre domande
L’appello alla previsione di più reati, a pene più lunghe, alla patologizzazione della violenza fino alla sua “cura” per via chimica, servono alle donne? Oppure nuocciono alla visione della violenza di genere che il movimento delle donne da sempre promuove, secondo cui è una questione strutturale del modello patriarcale della società, una questione di rapporti di potere asimmetrici tra i generi? Serve alle donne la retorica di un “governo penale delle questioni di genere”?

Interventi di Eva Desana, Fabio Farruggia, Marco Giusta, Silvia Lorenzino, Domenico Matarozzo, Livio Pepino, Tamar Pitch, Susanna Ronconi, Paola Savio, Giovanni Torrente, Ferdinanda Vigliani, Grazia Zuffa, Serena Zorzi

Con il contributo del Comune di Torino.

Scarica gli atti


Il documento

Benasayag. Dopo la pandemia, un manifesto per il futuro


Mai più come prima. Riflessioni online per uscire dalla crisi

Diritti Globali. Non tornare a prima… Ricominciare dai diritti

17° Rapporto sui Diritti globali 2019

Una agorà per pensare oltre l’emergenza

Volere la luna

Non una di meno

MANIFESTO FEMMINISTA TRANSNAZIONALE. Per uscire insieme dalla pandemia e cambiare il sistema